IMG_3964

B Solidale Onlus, attraverso una cerimonia d’inaugurazione alla presenza del Ministro per lo Sport Luca Lotti e del Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, ha restituito alla Comunità di Amatrice lo stadio “Paride Tilesi”. La ricostruzione dello stadio intende contribuire concretamente a restituire non solo un impianto sportivo ma un luogo di aggregazione e solidarietà dal quale ripartire.

Lo stadio– La riqualificazione dell’area di 8.700 mq comprende il rifacimento del terreno di gioco in erba artificiale di ultima generazione con attrezzature connesse (porte, panchine, ecc.), la realizzazione del recinto di gioco, la sistemazione dell’area tecnica, il ripristino e la rifunzionalizzazione della tribuna, con l’aggiunta delle sedute, la realizzazione dell’impianto d’illuminazione con tecnologia led, il rifacimento dell’accesso all’area spogliatoi, la messa in sicurezza delle aree adiacenti il campo, la realizzazione delle recinzioni del perimetro esterno e la sistemazione e personalizzazione dell’area.

La procedura– L’impianto è stato realizzato utilizzando l’articolo 20 (Opera pubblica realizzata a spese del privato) del Nuovo Codice dei Contratti Pubblici che consente al privato, d’intesa con un’Amministrazione Comunale, di realizzare a sua totale cura e spesa un’opera pubblica e di donarla senza oneri per l’Amministrazione stessa. La procedura è stata avviata il 25 settembre 2017 con la trasmissione all’Amministrazione Comunale di Amatrice della Manifestazione d’interesse e del Progetto di Fattibilità seguito dal Progetto Esecutivo. In seguito all’approvazione del Progetto da parte del Comune di Amatrice, il 27 settembre 2017 è stata stipulata la Convenzione tra il Trust B Solidale e il Comune di Amatrice e avviati contestualmente i lavori. B Solidale ha già lavorato, con la medesima procedura, alla realizzazione dello stadio di Lampedusa, inaugurato lo scorso 18 ottobre,

Il progetto è stato reso possibile grazie ad una squadra di partner che hanno da subito condiviso i valori dell’iniziativa: Lega Serie AFondazione Milan, Atalanta Bergamasca Calcio,Torino Football Club e Istituto per il Credito Sportivo. A questi si è aggiunto l’importante contributo del Ministero per lo Sport e del CONI che ha permesso il completamento dell’opera grazie al fondo “Sport e Periferie”.